Giornale contabile in 10 idee fondamentali

Il rispetto degli obblighi contabili imposti dai regolamenti comporta la tenuta di una serie di libri e il libro mastro è uno di questi.

E ci riferiamo a lui in questo articolo: risponderemo a domande come cos’è il diario, cosa è registrato in esso, qual è la sua struttura, come è fatto ogni giorno…..

Come puoi vedere, contiene una revisione abbastanza ampia delle idee fondamentali di questo argomento con una struttura di domande – risposte molto specifiche che rendono più facile e più piacevole la lettura e la comprensione.

Che cos’è il libro mastro?

Possiamo dire, per collocarci, che “contabilità” è registrare tutte le operazioni economiche svolte dalla società con lo scopo fondamentale di ottenere queste informazioni ordinate e raggruppate nel bilancio.

Questi rapporti ci permettono di conoscere la situazione economica e finanziaria dell’entità.

Bene, è nel giornale in cui tutte queste transazioni sono registrate e fatte dalle cosiddette “voci contabili”.

Tenendo conto di ciò possiamo dire che:

Il libro mastro è quello in cui vengono registrate tutte le operazioni economiche svolte dalla società in un esercizio finanziario, attraverso le voci contabili e ordinate cronologicamente.

Nelle sezioni seguenti vedremo in dettaglio ciascuna delle parti di questa definizione.

¿Cosa viene registrato nel diario?

registrare tutte le operazioni economiche effettuate dalla società, per esempio:

  • Shopping
  • Vendite
  • incassi ricevuti dai clienti
  • Pagamento dei debiti
  • Investimenti finanziari
  • Spese per il personale
  • Percezione di sovvenzioni
  • di Investimento in capitale struttura
  • Costituzione di prestiti
  • Etc.

¿Come vengono registrate le transazioni nel libro mastro?

Le voci nel libro mastro vengono effettuate mediante “voci contabili” (o “voci contabili”), che devono apparire in ordine cronologico.

L’articolo 28.2 del Codice di commercio prevede quanto segue:

” Il Giornale registra giorno per giorno tutte le operazioni relative all’attività della società. Tuttavia, una registrazione congiunta dei totali delle operazioni per periodi non superiori al trimestre è valida, a condizione che i loro dati figurino in altri libri o registri coerenti con la natura dell’attività in questione.”

Il contenuto di questo articolo presuppone che:

  • Le operazioni sono registrate nel libro uno per uno
  • Ma possono essere registrate in gruppi di periodi non superiori al trimestre, purché sia disponibile un altro libro ausiliario in cui sono state registrate singolarmente.

In pratica, questo è molto facile da fare (e abbastanza comune) per lavorare con programmi di contabilità:

Per entrare sedili indipendenti per ogni operazione, il programma si svilupperà un libro diario con il dettaglio richiesto dalle regole, ma è anche possibile raggrupparli in periodi mensili, per esempio, se chiediamo.

Si ottiene un “diario di riepilogo” che occupa molto meno spazio di quello che contiene tutte le note dettagliate.

Una volta che le informazioni sono state inserite attraverso le note contabili, il programma le organizza nelle sezioni temporanee che gli vengono richieste con poche chiavi….

Inflazione

Che cos’è la leva finanziaria

Programmi di fatturazione gratuiti ea pagamento: con funzionalità

A cosa serve il journal?

Poiché il giornale contiene tutte le transazioni che la società ha effettuato in ordine cronologico, serve fondamentalmente:

  • Estrarre da esso le informazioni necessarie per preparare il Registro generale e i Conti annuali.
  • Come luogo di consultazione sull’esecuzione di una determinata operazione.

Tieni presente che per la contabilità il giornale è il “gateway” di informazioni, quindi “tutto il resto” parte delle informazioni che sono state raccolte in esso.

C’è, nella rivista, dovrebbe e dovrebbe essere?

Sì, nel diario c’è una colonna” must “(sul lato sinistro) e una colonna” must ” (sul lato destro).

E la somma totale del debito deve essere uguale alla somma totale del debito.

Struttura della rivista contabile

La struttura della rivista la vedremo da due punti di vista: uno “orizzontale” e uno “verticale”.

1.- Dal punto di vista che abbiamo definito “orizzontale”, la struttura del giornale è formata da una serie di colonne ed è la stessa di quella delle voci contabili che lo compongono:

Deve Account Concetto per Concetto Account Hanno
Importo in euro Codice e il nome della contabilità conto da addebitare Entrata concetto di per Entrata concetto di Codice e il nome della contabilità conto di essere accreditato Importo in euro

In ogni nota la data dell’operazione dovrebbe anche apparire.

2.- Dal punto di vista che abbiamo definito “verticale” la rivista presenta la seguente struttura:

  • Inizia con la voce di apertura: è quella che contiene tutti i conti contabili che si sono conclusi con il saldo nell’anno precedente e in cui ognuno di essi presenta quel saldo. La sua data è gennaio 1.

Questa voce deve essere effettuata ogni volta che c’è stata attività (e quindi contabilità) nell’anno precedente, come è ovvio.

  • Avanti, e ordinati per data, sono le voci che registrano le operazioni che sono state eseguite durante l’anno.
  • Il diario è chiuso da due note diverse:

  1. La voce di rettifica: con essa vengono annullati i saldi dei conti entrate e uscite rispetto al conto “Profitti e perdite” 129.
  2. La voce di chiusura: è l’ultima voce nel libro e con essa il resto dei conti contabili viene annullato, in modo che il saldo finale di ciascuno sia zero.

¿Per chi è obbligatorio tenere il diario?

Quegli imprenditori e professionisti che devono adattare la loro contabilità alle disposizioni del Codice di commercio sono obbligati a tenere il libro giornaliero (e anche l’Inventario e i conti annuali).

E questi sono:

  • Società a responsabilità limitata, società di capitali,….).
  • Persone fisiche che determinano le loro prestazioni mediante lo schema di stima diretta.

Quindi gli imprenditori e i professionisti che, essendo persone fisiche, determinano le loro prestazioni non sono obbligati a tenere un diario:

  • Dal regime di stima diretta semplificato.
  • Per regime di stima oggettiva (moduli).

Come fare un giornale

Tutte le operazioni effettuate dalla società sono registrate nel giornale, che viene effettuato attraverso le voci contabili, seguendo un ordine cronologico e rispettando la struttura corrispondente.

Quindi alla domanda come fare un diario? esso non può essere risolta in altro modo: è fatto da registrazione, attraverso le scritture contabili, tutte le operazioni effettuate dalla società nel corso dell’anno e tenendo conto che:

  • Se l’azienda fosse già operativo nell’anno precedente, la prima voce nella gazzetta deve essere l’apertura di entrata (che è la voce contenente i saldi dei conti con cui la contabilità è stato chiuso l’anno precedente).
  • Quindi le voci contabili che registrano tutte le operazioni effettuate dalla società devono essere ordinate cronologicamente.
  • Il giornale terminerà con due ultime note: una è la voce di aggiustamento, con la quale vengono annullati i saldi dei conti proventi e oneri e viene determinato l’utile o la perdita dell’attività. E un’altra è la voce di chiusura, con la quale vengono annullati i saldi del resto dei conti contabili.
  • Puoi anche creare un diario di riepilogo: le operazioni sono raggruppate per periodi non superiori al trimestre e purché la loro disaggregazione sia indicata in altre registrazioni.

Come creare un diario in pratica

In pratica, e nella maggior parte dei casi, il diario in quanto tale viene realizzato in modo automatico: premendo un pulsante e poco altro.

Lasciatemi spiegare:

Le aziende utilizzano software di contabilità. E il modo di lavorare con loro è il seguente: le scritture contabili sono registrate e, sulla base di esse, il programma redige tutte le relazioni e i libri obbligatori o volontari.

Questo è ciò che intendo dicendo che è fatto “premendo un pulsante e poco più”: una volta che tutte le note sono state lavorate, il programma prepara il giornale, il libro mastro generale, il bilancio, i saldi di somme e saldi, il conto economico…..

E lo prepara per stampare su carta o per esportare il file in diversi formati.

Ovviamente non lo fa da solo, ma in precedenza qualcuno ha dovuto “fornire” le informazioni.

Journal: legalization

Poiché regola i libri contabili che devono essere tenuti dagli imprenditori (diario e libro di inventario e conti annuali), il Codice commerciale indica anche l’obbligo di presentarli nel Registro Mercantile per la legalizzazione.

La presente legge stabilisce che si tratta esattamente dei libri contabili dell’impresa per l’esercizio in questione, in modo che non possano essere semplicemente modificati.

Concentrandosi sull’argomento di questo articolo, possiamo dire che:

La legalizzazione della rivista è la verifica e completata dal Registro commerciale del fatto della sua presentazione prima di esso, in modo che possa produrre i corrispondenti effetti ufficiali.

Termine, luogo e forma

  • Termine: il giornale e l’inventario e i conti annuali devono essere presentati per la legalizzazione entro quattro mesi dalla data della fine dell’esercizio finanziario.

Ad esempio, nei casi in cui l’esercizio finanziario della società termina il 31 dicembre, il termine per il deposito nel Registro delle imprese terminerà il 30 aprile.

Se la presentazione avviene in un secondo momento, anche la Registrazione lo ammetterà ma dichiarerà che è stata fatta “al di fuori del periodo stabilito dalla legge”.

  • Posto: Il codice di commercio stabilisce che il Registro di Commercio competente è quello del domicilio della società.

Tuttavia, è attualmente obbligatorio inviarlo elettronicamente, che deve essere effettuato attraverso il portale www.registradores.es e il suo programma “Legalia”.

  • Modulo: Come abbiamo già detto nel punto precedente, la presentazione deve essere fatta elettronicamente.

¿Un libro già legalizzato può essere rettificato?

Nel caso in cui sia necessario rettificare un libro, giornale o inventari e conti già legalizzati il processo da seguire è disponibile anche online:

Genererà un file di rettifica per includere un documento dell’entity manager nella prova dell’errore e il file è già stato modificato.

Differenza tra journal e general ledger

Ci sono fondamentalmente due differenze tra journal e general ledger: uno in termini di ciò che ciascuno è e un altro in termini di natura obbligatoria.

Il registro generale è un registro ausiliario ed è molto utile ma, a differenza del giornale, la sua conservazione non è obbligatoria.

La realtà è che sarebbe molto, molto complicato fare una contabilità senza usare il registro generale. Inoltre, viene creato automaticamente dal software in base alle voci inserite nel journal.

Mostra i conti utilizzati nelle note e tutti mostrano la colonna del debito e la colonna del credito, in modo che in ciascuno di essi si riflettano gli importi che sono stati registrati in ciascuna delle voci contabili.

Pertanto, la differenza tra il giornale e il registro generale è chiara: mentre il primo contiene tutte le operazioni registrate attraverso le corrispondenti voci contabili, il secondo contiene il più grande di ciascuno dei conti utilizzati e in ciascuno di questi più grandi appaiono gli importi iscritti nel debito, nel credito e nel saldo calcolato per differenza.

Sommario

  • Tutte le operazioni effettuate dalla società nel corso dell’esercizio sono registrate in gazzetta mediante le corrispondenti voci contabili e in ordine cronologico.
  • La sua manutenzione è obbligatoria per le entità commerciali e per gli imprenditori persone fisiche che determinano le loro prestazioni dal regime di stima diretta.
  • Inizia con la voce di apertura, che prosegue con i saldi esistenti alla fine dell’anno precedente. Se l’anno in corso è il primo anno, il giornale inizierà con l’ingresso di costituzione della società.
  • Le sue ultime due note sono la voce di regolamento (che annulla i saldi dei conti dei gruppi 6 e 7 per determinare l’utile o la perdita di attività) e la voce di chiusura (che annulla i saldi di tutti gli altri conti).
  • Il libro di giornale deve essere presentato per la legalizzazione presso il Registro commerciale entro quattro mesi dalla fine dell’esercizio finanziario.
  • Diverso dal giornale è il registro generale. Questo è un assistente in cui tutti i conti contabili con ciascuno dei loro movimenti sono mostrati nel debito e nel credito e nel saldo risultante. Il registro generale non è obbligatorio o legalizzato nel registro.