Pazienti con lupus più giovani a rischio di herpes zoster

In un’analisi di rischio contro ricompensa, molti pazienti con lupus o altre malattie autoimmuni sono meglio ottenere un vaccino contro l’herpes zoster, ha detto la scienziata OMRF Eliza Chakravarty, MD

“Un 25enne con lupus ha lo stesso rischio di ottenere l’herpes zoster di un sano 80 anni”, ha detto Chakravarty. Attualmente, il vaccino contro l’herpes zoster è concesso in licenza per le persone di età pari o superiore a 50 anni.

Il ricercatore e il clinico hanno recentemente parlato alla serie annuale di seminari di reumatologia avanzata della New York University sull’uso dei vaccini contro l’herpes zoster nei pazienti con lupus. Il lupus è una malattia cronica in cui il sistema immunitario diventa squilibrato e inizia ad attaccare i tessuti del corpo, causando infiammazione e danni agli organi.

Circa mezzo milione di americani ottengono l’herpes zoster ogni anno e chiunque abbia avuto la varicella è a rischio per la malattia. I sintomi dell’herpes zoster includono bruciore, dolore o formicolio su un lato del corpo, seguito da un’eruzione cutanea e dalla formazione di piccole vescicole. Sebbene l’eruzione di solito si formi dalla colonna vertebrale intorno al lato e alla parte anteriore del corpo, può anche coinvolgere il viso, le orecchie, gli occhi e la bocca. Il rischio per la malattia aumenta con l’età, ha detto.

“È una condizione molto dolorosa”, ha detto. “Ci sono farmaci che possono aiutare, ma è meglio non ammalarsi in primo luogo.”

La preoccupazione di alcuni reumatologi è che i pazienti con sistema immunitario compromesso, compresi quelli con malattie autoimmuni, contrarranno la malattia dal vaccino a virus vivo, ha detto.

“Abbiamo fatto un piccolo studio in cui abbiamo vaccinato 10 pazienti con lupus e 10 controlli sani con il vaccino contro l’herpes zoster e monitorato la loro risposta”, ha detto. “Nessuna delle persone che hanno ricevuto il vaccino ha ottenuto qualcosa che assomigliasse a un blister o a un fuoco di Sant’Antonio.”

Chakravarty ha detto che i ricercatori stanno progettando di fare uno studio di follow-up in pazienti con artrite reumatoide e alla ricerca di sovvenzioni in modo che possano fare studi più ampi con i pazienti lupus più giovani.

“L’herpes zoster non ucciderà nessuno, ma è comunque una malattia dolorosa, e colpisce in modo sproporzionato i pazienti con malattie autoimmuni”, ha detto. “Il nostro obiettivo è aiutarli a evitare quel dolore.”