Uomo che ha aggredito sessualmente un parente di 3 anni resentenced a una pena detentiva più lunga

NEWPORT BEACH, California Friday Un uomo che è stato condannato per aver sodomizzato una parente femmina di 3 anni nella contea di Orange è stato resentenced venerdì, questa volta ricevendo una pena detentiva più lunga.
Kevin Rojano-Nieto è stato nuovamente condannato a 25 anni alla vita dietro le sbarre dopo che la 4a Corte distrettuale d’appello dello stato ha annullato la sentenza originale.

Il suo caso ha attirato i titoli a livello nazionale tre anni fa, quando Orange County Giudice della Corte Superiore M. Marc Kelly ha deviato dal mandato statale, dandogli invece 10 anni.
DI PIÙ: OC uomo che ha aggredito sessualmente 3-anno-vecchio parente per ottenere 25 anni di carcere a vita

EMBED >Altre notizie Video

La condanna per un uomo della contea di Orange condannato per aver sodomizzato un parente di 3 anni è stata ritardata fino a gennaio. 12, ma il giudice ha chiarito che l’uomo avrebbe ottenuto 25 anni di carcere a vita.

“In primo luogo, Kevin vorrebbe esprimere il suo profondo rimorso”, ha detto il difensore d’ufficio Melani Bartholomew in tribunale venerdì. “Non è una scusa che abbia subito abusi indicibili.”
Rojano-Nieto ha mostrato poca emozione durante il procedimento. I membri della famiglia hanno detto che è stato abusato come un bambino e aveva bisogno di aiuto più di punizione. Hanno detto che sta cambiando la sua vita attraverso la fede.
“Per quanto sia brutto, quello che Kevin ha passato, è ancora un predatore per i bambini”, ha detto la cugina Whitney Bokosky fuori dal tribunale. “Ed è importante proteggere la società.”
La sentenza del giudice del 3 aprile 2015 ha fatto arrabbiare molte persone, con alcuni che chiedevano le sue dimissioni. Lo sforzo di richiamo alla fine è fallito quando gli organizzatori non hanno potuto ottenere abbastanza firme per ottenerlo sulla scheda elettorale lo scorso giugno.
Le dichiarazioni di Kelly durante la condanna del 2015 hanno anche attirato l’ira dei supervisori e degli organizzatori della contea di Orange dietro lo sforzo di richiamo.

“Lui (Rojano-Nieto) stava giocando ai videogiochi e lei (la vittima) vagava nel garage”, ha detto Kelly. “Inspiegabilmente è diventato sessualmente eccitato, ma non sembra intenzionato consapevolmente a danneggiare (la vittima) quando l’ha aggredita sessualmente. Non c’era violenza o insensibile disprezzo per il benessere (della vittima).”
Kelly aveva sostenuto che una condanna a vita avrebbe violato le costituzioni statali e federali riguardanti punizioni crudeli e insolite, ma i giudici d’appello hanno respinto tale argomento, citando una sentenza della Corte Suprema dello stato in cui la condanna per omicidio di primo grado di un 17enne per una sparatoria durante una rapina in una fattoria di marijuana è stata
A differenza dell’imputato nella rapina alla marijuana, Rojano-Nieto non era un minorenne e non ha commesso il suo crimine a causa di un impulso in preda al panico, ha osservato il pannello.
“Rojano decise consapevolmente di molestare sessualmente (la vittima), come dimostra il fatto che chiuse la porta del garage, promise di comprarle Cheetos, la sodomizzò e poi decise di farla masturbare”, secondo la sentenza scritta dal giudice associato Joan Irion.
La giustizia ha anche detto che non sarebbe giusto sostenere, come ha fatto Kelly, che il benessere generale della ragazza dal momento che l’attacco e la mancanza di traumi fisici pesavano a favore dell’imputato.

“In parole povere, un reato sessuale contro un bambino piccolo è un grave reato a causa della natura vulnerabile della vittima e del rischio di danni psicologici al bambino, indipendentemente da qualsiasi lesione fisica associata”, ha scritto Irion.
Il pannello, a differenza di Kelly, non è stato influenzato dalla dimostrazione di rimorso di Rojano-Nieto durante il processo, notando che ha continuato a molestare la vittima dopo la sodomia e non ha espresso rimorso subito.
” Invece, Rojano ha negato le sue azioni a sua madre, e ha anche rifiutato di ammettere le molestie durante l’intervista della polizia fino a quando non si è confrontato con il fatto delle ferite (della vittima)”, ha scritto Irion.
City News Service ha contribuito a questo rapporto.