Vision

Vision viene utilizzato sia per identificare gli oggetti nell’ambiente, sia per rilevare i livelli di luce per aiutare a regolare il ritmo circadiano. I ratti talpa nudi hanno una retina irregolarmente strutturata rispetto alla maggior parte dei mammiferi avvistati, con conseguente percezione della profondità meno precisa e copertura meno precisa delle regioni laterali della retina. Tuttavia, al di là di queste aree, i circuiti necessari per il trascinamento circadiano sono conservati.1

Il rilevamento della luce sembra essere principalmente correlato al comportamento riproduttivo, consentendo alla femmina di sapere quando lasciare il nido. Potrebbe anche essere utile in una risposta di fuga a causa di un tunnel culatta. 2

I ratti talpa nudi non sono in realtà nudi, ma sono molto vicini ad esso. Hanno circa 40 peli su ogni lato del loro corpo (peli tattili che sono simili alle vibrisse facciali) che usano per orientarsi nel loro ambiente sotterraneo. Sono organizzati in un modello a griglia, e la deflessione di un singolo capello provoca la talpa-ratto che si orienta fisicamente verso lo stimolo. Questo orientamento è molto preciso, più che quando viene toccata la pelle stessa. L’orientamento entra in vigore anche dove i capelli deviati si trovano sul corpo del ratto talpa, aiutando l’animale ad orientarsi efficacemente.3


Fonte: http://138.37.56.212/~raycrundwell/Photos/Biological%20and%20Chemical%20Sciences/Mock%20up%20foyer/nakedMoleRat.jpg

Olfatto

I ratti talpa usano segnali di odore per distinguere tra individui dalla propria colonia e estranei. Ogni singola colonia ha il suo profumo che è condiviso e appreso da tutti i membri. Anche le colonie strettamente correlate hanno profumi unici, raggiunti mescolando i profumi. Questo modo di distinguere tra la propria colonia e i vicini è importante a causa dell’alta densità di colonie in alcune aree. È necessario mantenere l’autonomia nella colonia e impedire ai concorrenti stranieri di partecipare alla successione riproduttiva 4

Udito degenerativo.

Come la maggior parte dei mammiferi sotterranei, i ratti talpa hanno perso gran parte della loro capacità di localizzare i suoni. La loro sensibilità massima è di 35 dB (pressione sonora) e la loro gamma uditiva è solo da 65Hz fino a 12.8 Hz, il che significa che hanno perso la capacità di ascoltare suoni ad alta frequenza. Inoltre, non possono localizzare suoni che sono più brevi di 400ms. Mentre questi risultati sono normali per gli animali sotterranei, è sorprendente nei ratti talpa nudi data la loro struttura sociale. Possiedono un vasto repertorio di vocalizzazioni, che si presume siano per la comunicazione, tuttavia il loro udito è abbastanza degenerato, specializzato principalmente per suoni a bassa frequenza. Che effetto questo ha sulla comunicazione è sconosciuto per ora.5

Note a piè di pagina

1. Mills et. al., 2004.
2. Hetling, 2005
3. Crish et. al., 2003.
4. O’Riain, 1997
5. Heffner e Heffner, 1993.